FA.VI.S.

più giustizia nella tua vita

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home
E-mail Stampa PDF

 

Sto bene
è solo la fine del mondo

 Ignazio Tarantino

 

Ed. Longanesi

 

  

 

da REPUBBLICA del 19.6.2013

Intervista all'autore Ignazio Tarantino

"Io, fuoriuscito da una setta religiosa" Come perdere (e ritrovare?) una famiglia  di Matteo Pucciarelli

 

 

«Grani di sale», nell'inferno di maghi, 
 sette e falso esoterismo

Nicola Calabria Ed.  
€  10.00

Patrizia Dolfin

 «Grani di sale», di Rossana Pessione, è il racconto 
di questa crisi e di come la protagonista, Giulia,
una donna alla  costante ricerca del senso della vita, 
si ritrova invischiata  nell'oscuro  mondo dell'esoterismo
 e delle psicosette,  sperimentandone dolorose illusioni  
e delusioni.   In questa ricerca, trova il suo personale 
«supporto emotivo» contro il mondo nella «Cialtronazza»,
una «maga  malefica» che la coinvolge dolorosamente 
nella sua setta. [...]  
A metà, tra il romanzo e la realtà, il libro racconta da una
angolazione diversa, vicende reali che l'autrice ha conosciuto in virtù del suo 
mestiere di giornalista che sono molto comuni nel nostro Paese dove almeno 
240 mila persone sono cadute nella rete di sette gruppi esoterici di vario genere. 
Lo stesso personaggio della «Cialtronazza» si ispira ad una figura di sedicente maga 
che ancora oggi lavora del tutto indisturbata.Nel romanzo non c'è un assassino
ma tanti colpevoli, la narrazionesi snoda con ritmo teso,sempre sostenuta dall'originalità
delle scelte linguistiche,  sviluppando nel lettore un forte coinvolgimento.Il sale di cui parla
il titolo riporta a molteplici significati:è sinonimo di saggezza, vera protagonista della storia,
attraverso alcuni suoi personaggi tra cui dei bambini, dà sapore alle cose come sa bene
Giulia, così gelosa delle sue esperienze estreme .
Rossana Pessione, giornalista che da vent'anni si occupa di divulgazione medico-scientifica
e bresciana d'adozione, con «Grani di sale» ha vinto il Premio Speciale 2009 al
Concorso nazionale dedicato al Giallo d'autore.



 Scientology. Ci sono nata.
Ci sono cresciuta. Sono scappata

    AUTRICE Jenna Miscavige Hill, Lisa Pulitzer

scientology-libro-61430

In sintesi - 1986. Jenna ha due anni quando suo zio, David Miscavige, subentra come leader spirituale di Scientology dopo la morte di Ron Hubbard. Cresciuta in seno alla comunità, ha solo sedici anni quando i suoi genitori decidono di uscirne e lei è costretta a tagliare completamente i ponti con loro: non può ricevere lettere né telefonate e non le viene consentito nessun contatto con il mondo esterno.

Scientology, ora, è la sua famiglia, il suo orizzonte, la sua prigione. Con gli anni, Jenna scala posizioni nell’élite della chiesa ma apre anche gli occhi sulla manipolazione psicologica alla quale vengono sottoposti i membri, sull’orrore del lavoro minorile imposto ai bambini della chiesa, sui trattamenti di favore riservati alle star di Hollywood.

Fino a quando, nel 2005, realizza che l’unica possibilità di salvarsi è scappare dalla gabbia dorata in cui è stata rinchiusa. Una fuga in cui la posta in palio è la sua stessa vita.

 

  • Editore: Rizzoli    Data di Pubblicazione: Febbraio 2013
  • ISBN: 8817065064
  • ISBN-13: 9788817065061
  • Pagine: 427

ACQUISTA QUI  http://www.libreriauniversitaria.it/scientology

Essere innocente

La vera storia di tre sorelle e della loro infanzia rubata

essere innocenti

Il devastante resoconto fatto in prima persona sulla coraggiosa lotta di tre sorelle per fuggire da una comunità perversa che le ha derubate dell’infanzia. Kristina, Celeste e Juliana nacquero nel culto de “I bambini di Dio”. Ma le loro esperienze erano un mondo lontano dalla concezione cristiana dell’amore e del perdono. L’organizzazione era instaurata con la loro “cura” praticata attraverso tortura fisica e mentale, controllo del pensiero, pornografia, prostituzione, atti terrificanti ed abuso sessuale. Le tre sorelle sono state separate tra di loro e dai loro genitori molto giovani vivendo in diverse comunità nel mondo sotto la “cura” dei loro “guardiani”. Era loro negato l’accesso all’istruzione formale e alle cure mediche, forzate a vagare per le strade mendicando denaro, ed erano picchiate spietatamente per “crimini” imprevedibili come leggere un’enciclopedia. Ecco, tutte e tre le sorelle, che soffrirono le peggiori forme di abuso e furono strappate l’una all’altra, si sono finalmente riunite. In “Essere Innocenti”, rivivono le loro esperienze di come siano sopravvissute – e quindi fuggite –ad un culto che ha preteso le vite e l’innocenza di migliaia dei suoi membri. La loro è una storia terrificante di perversione e perdita ma, in definitiva, è un racconto su un immenso amore ed incommensurabile coraggio. 

Le Autrici

Juliana Buhring  Juliana ha sempre desiderato volare. Volare via da quelli che erano i confini della setta religiosa che la teneva prigioniera, immaginando di avere grandi ali per volare via. Avrebbe scalato le cime più alte, si sarebbe arrampicata sugli alberi, sarebbe salita sui tetti: avrebbe fatto di tutto per poter vedere il mondo e immaginarsi lì fuori. Quando finalmente riesce a scappare dai "Children of God" si rende conto che la libertà la spaventa. Ora ha le sue ali, ma non sa volare, sa dove vuole andare ma non sa come arrivarci. Il mondo là fuori è l’inizio della vita, una vita in cui Juliana non ha un’identità, dove non c’è nessuna traccia di lei, nessuna memoria della sua esistenza, quasi come se fosse un alieno sbarcato sulla Terra. Il primo anno, il più difficile, è molto frustrante. Juliana si vergogna di raccontare la sua storia, di raccontare alle persone il perché del suo disagio. E comprende rapidamente che la gente è spaventata dalle sette e teme ciò che non capisce. Il mondo delle sette è come un lago oscuro, dove i segreti crescono come gramigna, celati da una pseudo-normalità. Questo è quello che ha spinto Juliana e le sue sorelle a scrivere questo libro, nella speranza che la verità potesse disperdere quei miti e l’aura di segretezza. Nella speranza che questa storia diventi come un coltello capace di tagliare via quelle erbacce e restituire ai bambini, ancora vittime della setta, la loro libertà.
 
 
Kristina Jones  Riesce a fuggire dai Children of God, grazie all’aiuto della madre, a 12 anni, e decide di non restare in silenzio. Costantemente impegnata nel sensibilizzare l’opinione pubblica sui culti e sulle problematiche dell’abuso sui minori, offre il suo supporto alle persone che, come lei, hanno avuto un’infanzia violata. Separata dalle sorelle fin da subito, racconta la sua storia sperando che incoraggi e ispiri a trovare la forza di superare la paura che spesso costringe a restare in silenzio.
 
 
 
Celeste Jones  Non ha mai saputo rispondere alla domanda “Da dove vieni?” senza riuscire a evitare il racconto della sua difficile storia. Strappata via dalla famiglia ancora bambina, senza potersi ribellare alla volontà del padre, viene plagiata fino ad annullarsi totalmente. Solo dopo essere diventata madre, decide di riprendere in mano la sua vita e, senza cedere alla paura, fa ciò che era giusto per lei e per sua figlia. L’intraprendere gli studi di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione le permettono di comprendere la natura umana riuscendo così a contestualizzare la sua difficile esperienza che la porterà, insieme alle sorelle, alla stesura di questo libro. 

 

 

 Love Bombing DVD

 http://www.docume.org/page/schedafilm.asp?id=198

 

NOTA: gli introiti derivanti da noleggio o vendita del DVD sono  ad esclusivo vantaggio degli autori del prodotto. Nessun vantaggio economico ne deriva all'Associazione FA.VI.S. onlus.

 

(aut. Caterina Boschetti - ed. NEWTON COMPTON)  

Dopo la presentazione avvenuta il 21.9.2007 a Roma presso la sala stampa della CAMERA dei DEPUTATI Il libro fu posto"fuori catalogo" dal Settembre 2009 dopo 5 ristampe di cui le prime 2 integrali, mentre la 3^ la 4^ e la 5^ uscirono prive di 36 pagine (dalla 336 alla 370) riguardanti SCIENTOLOGY e i Movimenti del Potenziale Umano (MPU)

Se desiderate ricevere copia del libro scrivete alla nostra mail  favis.antiplagio@libero.it o telef. al 328.5665202

Lettera On PISICCHIO Presidente Comm.ne Giustizia

Comunicato post presentazione

Radio1 - Baobab - Intervista all’autrice

Presentazione del libro a San Benedetto del Tronto
Video dell'intervista per presentazione del libro a San Benedetto del Tronto 26/8/2007 
 
 
Prefazione di Francesco Bruno
 
A chi  non è capitato di perdere la testa per amore? Chi non è mai stato disposto a tutto pur di assecondare la persona che ama? Quanti litigi in famiglia, quante discussioni per far “trionfare” un’unione che appare assolutamente perfetta! Ognuno di noi, nella propria vita, ha vissuto, almeno una volta, quest’esperienza. Abbiamo avuto un coraggio da leoni, ci siamo ribellati alle regole, abbiamo dimostrato che la libertà significa seguire una strada anche se tortuosa, credendoci pienamente. In fondo, ci diciamo, ne valeva la pena.

Ora, però, alla luce della ragione, di un distacco da quello che è accaduto in passato, da una razionalità ritrovata, potremmo dire di essere stati, in quel periodo, plagiati? È questo il plagio, ovvero essere indotti a compiere azioni o ad avere atteggiamenti che normalmente non avremmo mai? In effetti sì. Ma nessuno certo punisce o porta in un’aula di tribunale due innamorati un po’ sprovveduti, uno “condizionato” dall’altro. Come sarebbe possibile? Stiamo parlando di amore, del sentimento più prezioso e pulito che l’essere umano possa nutrire, ovvero, in altre parole, del motore immobile che muove il mondo da migliaia di anni. Chi si sognerebbe mai di incolpare Cupido, Eros, il dio che fa nascere i bambini, che fa celebrare i matrimoni, che spinge madri a buttarsi nel fuoco e che fa compiere atti di un altruismo e di una compassione straordinari? Eppure la verità è che proprio questo desiderio di amore e di felicità, che conduce l’uomo alla ricerca di Dio, di una famiglia (di sangue o meno), di un appagamento personale, è diventato oggi un businnes da milioni di euro.

Nel 1981, quando il reato di plagio è stato abrogato e, quindi, cancellato dal nostro Codice Penale, si parlò di un concetto eccessivamente indeterminato, che sarebbe andato a ledere la libertà dell’uomo e in particolare quella di culto, vigente nel nostro paese. Si è detto che possiamo essere condizionati dalla pubblicità, dai media, dai libri e così via; si è parlato dell’esistenza di altri reati perseguibili, come la riduzione in schiavitù (il plagium latino significava proprio questo), la circonvenzione di incapace, la violenza in genere, la truffa, l’estorsione. E così la società ci ha messo una pietra sopra, ha sostenuto che, in questo modo, era stata fatta chiarezza e soprattutto giustizia, perché gli uomini, si disse, «Sono tutti uguali». L’essere tutti uguali è un concetto di alta democrazia, non c’è che dire, condivisibile pienamente da chiunque; eppure l’avere i medesimi diritti, perché è questo che intendiamo, dovrebbe spingerci a compiere un passo in più. Ognuno di noi dovrebbe avere l’opportunità di rimanere se stesso. E se invece, anche solo un singolo uomo, viene portato ad essere così condizionato, nel suo pensiero e nel suo agire, da diventare qualcun altro, da non essere più riconoscibile, da trasformarsi in un manichino da boutique da vestire e svestire a comando o, addirittura da essere plasmato come un robot per compiere azioni a lui estranee, possiamo davvero ritenerlo uguale agli altri? Possiamo sostenere, obbiettivamente e con piena coscienza, che sia stata rispettata la sua libertà?

Oggi, in Italia, ci troviamo di fronte a questa realtà, ovvero a migliaia di persone private del loro diritto di essere uomini, donne e, purtroppo, bambini, il tutto “grazie” a tecniche di condizionamento mentale e psicologico ormai conosciute e conclamate da anni. Si tratta di strumenti rubati alle stesse psichiatria e psicologia, come ad esempio l’ipnosi, applicate da individui senza scrupoli in modo sconsiderato, al solo fine di carpire la fiducia e la “fede” degli altri, riducendoli a mere pedine di una scacchiera.  Non stiamo parlando di persone incapaci di intendere e di volere; chi si sognerebbe di definire tali un attore miliardario, un docente universitario, un giudice, un imprenditore di successo, che sono ai vertici nella società? La questione non è solo bianca o nera, bensì ha un’infinità di sfumature ed è per questo che il vuoto normativo italiano, in tema di manipolazione mentale, è quanto mai grave. Tali tecniche sono rintracciabili ovunque, anche sul web, e chiunque può studiarle e applicarle senza remore. Non c’è un copyright da rispettare, non vi sono password di accesso, non si tratta di codici criptati in mano solo a personale fidato. Il santone di turno, il guru della verità rivelata, il leader spirituale della porta accanto, ma anche la grande organizzazione internazionale o le religioni più riconoscibili lo sanno bene e ne fanno uso a loro piacimento.

Se allora siamo tutti uguali e, quindi, a ognuno dovrebbe essere offerta l’opportunità di far sentire la propria voce, per quale motivo le vittime di questi movimenti abusanti, delle finte associazioni no profit, delle nuove fedi che non fanno male a nessuno, non vengono ascoltate mai? Perché allora la libertà di culto, tanto osannata e assolutamente legittima, non implica anche il poter uscire appunto “liberamente”, senza ritorsioni, intimidazioni e devastazioni della psiche, da esso? La risposta è soltanto una: l’assenza di una cultura in proposito.

Questo termine, “cultura”, in epoca contemporanea ha assunto un significato molto riduttivo, almeno nel senso più conosciuto dalla gente comune. Esso racchiude, infatti, tutto l’insieme di materiale letterario, artistico, scientifico e tecnologico che rende una persona depositaria di conoscenza. In realtà, ritengo che sia indispensabile tornare alla sua vera e primitiva origine, anch’essa di derivazione classica, ovvero “coltivare”. In un primo momento, infatti, tale concetto era legato al mondo dell’agricoltura e alla pratica della coltivazione della terra, come bene indispensabile per la sopravvivenza della specie. Da qui è scaturito il senso più allargato, che io amo molto: prendersi cura di se stessi e, nel caso di “culto”, avere a cuore gli dei. In fondo la paidéia di Platone e Aristotele e la humanitas di Cicerone racchiudevano proprio tale assunto, ovvero l’idea di un uomo totalmente realizzato grazie all’educazione e alla formazione. Gli antichi hanno ancora molto da insegnarci, come, appunto questo binomio, che conduce al prendersi cura della nostra libertà tramite la conoscenza.

Occorre, quindi, garantire a ogni cittadino e in particolare alle nuove generazioni un’informazione capillare sul fenomeno dei gruppi abusanti (religiosi o meno), tramite una sensibilizzazione radicale e senza menzogne resa efficace non solo dalla voce di esperti e professionisti che si occupano dell’argomento, come psichiatri, giuristi e rappresentanti delle istituzioni e delle forze dell’ordine, bensì grazie anche dal grido dei familiari, dei fuoriusciti e di coloro che ogni giorno vivono sulla propria pelle questa ferita che la società si è auto-inferta. Creiamo un tavolo di lavoro comune, un’opera di sinergia che permetta di studiare e analizzare tale sistema sotteraneo e micidiale, consentendo in questo modo di fornire le chiavi di lettura adeguate ai nostri politici.

Il libro di Caterina Boschetti racchiude in sé tale progetto, in una coralità di opinioni e di testimonianze rivolte nella medesima direzione: raccontare bene tutto quello di cui si parla di solito in modo frettoloso e superficiale, magari solo sensazionalistico, ma senza alcun desiderio di effettiva conoscenza. Questo libro tiene invece in massimo conto proprio la conoscenza ovvero la coltivazione, la cura di noi stessi, perché solo in questo modo tutti vedremo rispettato il diritto a essere davvero liberi.
Francesco Bruno è neuropsichiatra e docente di Criminologia e Psicopatologia forense all’Università La Sapienza. È consulente dell’Onu, dell’Oms e della Comunità Europea, e i suoi studi sono da tempo preziosi per le istituzioni. Da anni svolge un’intensa attività di collaborazione con i media su tutti i casi di più rilevante interesse di cui si è occupato.

 

Rizzoli BUR € 12,50

  

BUR Rizzoli

 recensione dell'editore

 

Presentato a Roma il 5.4.2011 presso Camera dei Deputati Via Poli,19 Sala delle Colonne

 

Stefano Pitrelli partecipa a  RAI TRE Cominciamo Bene del 26.08.2011

 

26 sett 2011 Il libro si aggiudica
  "Premio Estense Scuola"
 
 
su invito degli autori Maurizio Alessandrini, presidente della FAVIS, ha partecipato con l'intervento di chiusura

 

 


 Mondadori Ed. - € 16,50



http://www.claudiav.it/video.html

http://www.claudiav.it/documentario.html

  http://www.laexplotaciondelafe.com/libros-autor/sectasdestructivas/contenido.php

 

SECTAS DESTRUCTIVAS

 

La sola mención del término sectas puede evocar ideas de fanatismo, intolerancia, peligro y conflicto. Pero qué son?. Cómo se distinguen de las minorías religiosas? Cuáles son sus características? Existen métodos objetivos para estudiarlas?

El crecimiento de las sectas contemporáneas es un fenómeno controversial y de impacto en el mundo globalizado de hoy. Este libro pone al alcance del lector una colección única de ensayos y estudios científicos —algunos por primera vez en español— de connotados especialistas internacionales sobre el tema. Este texto multidisciplinario, respaldado por décadas de sólida investigación científica, proporciona los datos, definiciones, estadísticas, métodos y clasificaciones claves para comprender las dinámicas de explotación y manipulación sectaria

Autores

DR. LOUIS JOLYONWEST  Director del Instituto Neuropsiquiátrico y presidente del Departamento de Psiquiatría y Ciencias Bioconductuales de la Escuela de Medicina de la Universidad de California, Los Ángeles.   
     
DR. JORGE DE LA PEÑA  Profesor de psicología social. Universidad Nacional Autónoma de México. Consultor de Derechos Humanos en el Instituto Interamericano de Derechos Humanos de la ONU. Miembro activo de Amnistía Internacional.
 
DR. MICHAEL D. LANGONE Psicólogo clínico e investigador. Editor: Cultic Studies Review.

DR. ELIOMASFERRER  Profesor e investigador. Escuela Nacional de Antropología e Historia, Ciudad de México. Presidente de la Asociación Latinoamericana para el Estudio de las Religiones. Ha sido investigador asociado del Instituto Indigenista Americano, organismo especializado de la OEA.
 
DRA. MARGARETH T. SINGER  Profesora emérita de psicología clínica. Universidad de California, Berkeley.                              
 
DR. JOHN HOCHMAN Médico y profesor clínico de psiquiatría. Escuela de Medicina de la Universidad de California, Los Ángeles.
                                                                                                  DR. JORGE ERDELY  Licenciado en Ciencias Biológicas. Doctor en filosofía con especialidad en teología en la Universidad de Oxford, Inglaterra.

 

Kathleen Taylorsi occupa di Neuroscienze delle reti cognitive, delle credenze e delle patologie correlate presso il Dipartimento di Fisiologia, Anatomia e Genetica dell'Università di Oxford. Scrive per diverse testate scientifiche e nel 2002 ha vinto sia il Premio THES/OUP («Times» Higher Educational Supplement/Oxford University Press) sia THES Humanities and Social Science Writing Prize. Brainwashing è stato finalista al concorso MIND per il libro dell'anno 2005 e fra i candidati all'Aventis Science Book Prize.

 

 

Brainwashing - La scienza del controllo del pensiero

Autore: Kathleen Taylor

«Il lavaggio del cervello è ben più che un relitto della paranoia degli anni Cinquanta. Chi sa come condizionare la mente ha un enorme potere»

Come si reagisce all'idea di brainwashing, ossia al fatto che esista una possibilità di lavaggio del cervello? Con interesse e curiosità, oppure con scetticismo e sufficienza. Da qui prende spunto Kathleen Taylor, neuroscenziata di fama mondiale, per la sua analisi sulle tecniche di manipolazione e controllo del pensiero che oggi costituisce un settore privilegiato di studio della Psicologia sociale.

Brainwashing. La scienza del controllo del pensiero è rivolto sia ai curiosi, sia agli scettici: spiega in profondità la problematica e dimostra che il lavaggio del cervello è molto più che una delle tante teorie dietrologiche di manipolazione. Il brainwashing è un fenomeno sociale e politico, è una forma estrema di condizionamento. Si annida in tutti i settori, nella politica, nella religione, nella comunicazione di massa e negli ambienti militari, e può essere applicato tramite strumenti progressivi e «dolci», che vanno dalla pubblicità allfinformazione, oppure strumenti aggressivi e violenti, come la coercizione e la tortura. La fautrice affronta il tema in modo scientifico, partendo dalla nascita del termine, per addentrarsi poi nei meandri delle neuroscienze, con una trattazione avvincente che introduce il lettore in un mondo ansiogeno, invisibile ma tuttfaltro che irreale: ognuno può diventare vittima di un condizionamento imposto, mirato a cancellare e riscrivere convinzioni, credenze e consolidate certezze.

 

Collana Le Grandi Navi | 528 pag | 2008 € 28,00 CASTELVECCHI Ed.

  

 

___________________________________________________________________

Persuasori occulti, manipolatori di professione, studiano la psicologia collettiva per tenerla sotto controllo e sfruttarla, condizionando i comportamenti delle masse. Nell’era della comunicazione globale, essi dispongono di un corpus di conoscenze molto vasto in ambito sociopsicologico e di tecnologie sofisticate e penetranti. Gli interventi di questi esperti sugli individui, i gruppi, le comunità e le masse sono scientifici e sistematici. Per convincere e conquistare non hanno bisogno di ricorrere ai metodi autoritari di un tempo, alle minacce o alla violenza, le loro armi sono la seduzione, la persuasione e la suggestione.

 

Edizioni GIUNTI - € 10,20

 

Cronache da una setta

Giraldi Editore  13,00 €

Una storia vera - 23 anni nella setta.

La storia vera dell'autrice e del suo percorso di uscita da una setta. Una ricostruzione realistica dei rapporti di seduzione e sottomissione che s'innescano tra il "guru" e gli adepti. Il percorso di una donna che scopre di aver  vissuto una vita non sua e di "aver sostato per lunghissimo tempo in un luogo nascosto della sua mente".

Da questo mondo è impossibile uscire se non per eventi talmente traumatici, inaspettati e improvvisi da scuotere la mente dall'anestesia e permettere di nuovo il contatto col mondo reale. A volte questo accade, ma raramemnte. A me è accaduto.  La maggioranza dei segregati mentali finisce per rascorrere una intera esistenza dentro la setta dove, pur credendosi desta, vive tra incubi ed esaltazioni in un mondo fittizio

 

 

 

 

 

I miei anni in Scientology . Colloquio con Alberto Laggia

 

Maria Pia Gardini

 

Edizioni Paoline - € 14,00

Edizioni Paoline- 2009 . € 16,50


 
 

Il libro che SCIENTOLOGY non voleva fosse pubblicato

Quattrordici testimonianze di es appartenenti alla più controversa organizzazione religiosa, la cisiddetta "chiesa di Scientology", fondata mezzo secolo fa dallo scrittore di fantascienza Ron Hubbard.   
Quattordici storie diversissime per raccontare la stessa vicenda:quella di qualcuno che entra nel movimento spinto dalla speranza di migliorare la propria esistenza, di diventare un "vincente" o magari di uscire dalla droga, ma con il tempo scopre di essere piombato in un incubo da cui è difficile svegliarsi.

Un'esperienza che si rivela distruttiva per se stessi e per i propri averi. Impressionano, nei racconti dei fuoriusciti, le reiterate richiesta di denaro, l'ossessiva atmosfera di segretezza, la soppressione di qualsiasi voce critica, le rovinose dinamiche familiari e affettive. [....]
Queste pagine danno finalmente voce a chi, rimasto spesso senza una famiglia, senza un lavoro, senza autostima, per tanto tempo non ha avuto alcuna voce.


 

 PLAGIO

Autore: Francesca B.
Edizioni Malatempora € 10,00

Era una piovosa giornata di novembre, un giovedì, mi trovavo in parrocchia. Il parroco mi chiamò e mi presentò un ospite, un prete brasiliano appena giunto in Italia per studiare: sguardo sfuggente, aspetto quasi tenebroso…non fui gentile come era mia abitudine… Gli diedi il benvenuto a denti stretti, istintivamente…

Questo è l'incipit di una storia allucinante di un sequestro mentale, che rovinerà la vita all'autrice e a tutta la sua famiglia.
Francesca B. ha combattuto una battaglia spaventosa per sé e per i suoi figli, durata dieci anni e approdata a questo racconto autobiografico.
Scritto perché altri sappiano e non cadano nella stessa terribile trappola, che le nostre leggi lasciano impunita.

Postfazione del Ministro Antonio Di Pietro

Le moderne forme di plagio sono sempre più sofisticate.
Viviamo in un’epoca in cui la conoscenza è diventata la vera ricchezza delle società, non solo di quelle ricche e industrializzate, e la comunicazione la chiave per detenere il potere reale. Questo che può essere considerato un periodo storico in cui l’umanità sta facendo un vero e proprio salto evolutivo ha portato però con sé un indubbio aumento di rischi e pericoli per le persone che non hanno gli strumenti adeguati per orientarsi e capire ciò che gli succede intorno.
In Italia esisteva una legge, la 603 del codice penale, che puniva esplicitamente il plagio. Si è pensato bene di sopprimerla.
Non sto qui a discutere se sia fatto bene o male. Tuttavia, ritengo che, se da un lato è giusto responsabilizzare i cittadini, dall’altro, con quella abrogazione, abbiamo lasciato un vuoto normativo. In questo vuoto le persone più deboli ci sono cascate dentro con tutte le scarpe. E io credo che lo Stato debba sentirsi co-responsabile di tutto ciò che ai nostri giorni vediamo accadere a migliaia di persone, raggirate, truffate, prese in giro dal primo ciarlatano di turno, influenzate e terrorizzate psicologicamente, anche se, badate bene, il sistema delle truffe non è solo quello di Vanna Marchi o dei maghi e dei venditori di fumo sparsi un po’ ovunque sui mezzi di comunicazione. I truffatori infatti li troviamo anche lì dove non ce lo immagineremmo, a cominciare dai luoghi della politica passando per quelli economico finanziari, dove i furbetti sono sempre pronti al raggiro e all’imbroglio.

In ogni caso stiamo parlando di plagio mentale esplicito, fatto con tecniche specifiche e dirette. Qui stiamo parlando di situazioni di sequestro mentale, appunto, in cui anche l’intera famiglia o i conoscenti della persona vengono coinvolti, in cui si rischia di dilapidare interi patrimoni, rovinare vite.

Per questo motivo ritengo improcrastinabile l’approvazione di una legge sulla manipolazione mentale, che almeno andrebbe da un lato a cercare di impedire o a riparare lo specifico danno sulla persona plagiata, qualora, si spera, si riesca a dimostrare che ciò sia avvenuto, dall’altro a punire severamente gli artefici.
Sono stati proposti due disegni di legge, uno dell’ottobre 2002, un altro del novembre 2001.

Con un po’ di buona volontà si potrebbe arrivare ad un accordo bipartisan che ponesse fine a quest’intollerabile assenza normativa. Credo che la politica, quella seria e responsabile, non possa più farsi da parte, invocando i pur sacrosanti diritti all’autodeterminazione degli individui; le persone deboli esistono, lo Stato deve prendere atto.

E’ una fase delicata della vita della società che non ammette scuse.

Fabio Castori è un giornalista-scrittore nato e cresciuto nel mondo della radio e della carta stampata. Si è sempre occupato di musica,
giornalismo investigativo, cronaca nera e giudiziaria. Attualmente vive tra Fermo e Roma, collabora con la redazione Mediaset di Buona Domenica
e con il Corriere Adriatico. In passato ha lavorato con la redazione del Maurizio Costanzo Show, Rds-Radio Dimensione Suono, Rai Uno, la Gazzetta dello Sport,
l'’agenzia stampa Italpress. Nel 2000 ha pubblicato il romanzo “Storie di Alex, colto da attacchi di panico nel bel mezzo di una giornata d’ottobre”
(Crispino Editore, ristampa 2004 Gruppo Editoriale Marche)

Un romanzo-verità alla scoperta dell’inquietante mondo delle sette religiose, delle sue connivenze e dei suoi numerosi tentacoli.

 

Il racconto muove da fatti realmente accaduti inerenti l’ossessione della fede di alcune ragazze che subiscono, negli anni del liceo, l’oscura influenza di un gruppo di fanatici pseudo-religiosi capeggiati da un fantomatico guru. Partendo da questa storia si snoderà un intreccio di vicende che ruotano attraverso vari luoghi, tra rivelazioni sconcertanti, strani incidenti e morti misteriosamente collegate tra loro. Una serie di fatti sconvolgenti da cui emergerà un fenomeno ben più vasto, quello delle sette religiose, con tutti i suoi lati drammatici e perversi.

 

 

LA MANO SINISTRA DI DIO

LE GESTA E IL SANGUE DELLE NUOVE FEDI

Marco Minicangeli, DATANEWS Editore - Roma

 

MENTALMENTE LIBERI, COME USCIRE DA UNA SETTA

(Steven Hassan ed. AVVERBI)

 

LE SETTE

(Bernard Fillaire ed. IL SAGGIATORE)

 

LE SETTE

 (Hugo Stamm ed. SAN PAOLO)

 

IL PROBLEMA DELLA MANIPOLAZIONE NEI

MOVIMENTI RELIGIOSI CONTROVERSI

 (J. F. Mayer)

 

LO PSICHIATRA E IL BRAINWASHING

(Mario Di Fiorino e altri)

 

I GIOVANI E L' ESOTERISMO

Magia, satanismo e occultismo: l' inganno del fuoco che non brucia

(Carlo Climati, ed. PAOLINE)

 

L'ILLUSIONE COMUNITARIA

(Mario Di Fiorino, ed. MORETTI & VITALI

 

LE STRATEGIE DELLA COMUNICAZIONE UMANA

(V. Mastronardi, ed. Franco Angeli)

(docente di Psicopatologia forense - Università La Sapienza, Roma)

 

PSICOTERAPIE FOLLI: CONOSCERLE E DIFENDERSI

(Margaret Singer e Janja Lalich, ed. ERICKSON )

 

LE SETTE IN ITALIA

(Cecilia Gatto Trocchi, ed. Tascabili economici Newton Compton)

 

NOMADI SPIRITUALI

(Cecilia Gatto Trocchi, ed. MONDADORI)

 

PESCATORI DI ANIME

(Marco Merlini, ed. AVVERBI)

 

LE ARMI DELLA PERSUASIONE

(Robert. B. Cialdini, ed. GIUNTI)

 

PROFETI DI SVENTURA ? NO, GRAZIE

(Antonio Gaspari, ed. AVVERBI )

 

ESTASI

(Armando De Vincentiis, ed. AVVERBI )

 

SATANA IN TRIBUNALE

(Fabio Di Chio e David Murgia, ed. SAN PAOLO )  

 

TECNICHE DI CONDIZIONAMENTO PSICHICO

(Alessandro Usai,  ed. GIUFFRE' )

 

VELENO SEDUCENTE

(Deborah Layton, ed. PIEMME )

 

 

I FIGLI DELL’APOCALISSE
(Jean-Marie Abgrall, ed. ECO)

Un'inchiesta impietosa sui guru del terzo millennio, sulle sette millenaristiche e sui meccanismi occulti di reclutamento e di asservimento dei proseliti. L'entrata nel terzo millennio segna il risveglio delle paure e delle angosce apocalittiche; un numero impressionante di santoni e imbonitori profetizzano la fine del mondo. Dal canto loro, le sette utilizzano questi stessi argomenti per irretire gli ingenui e reclutare nuovi adepti, spesso condotti fino alla morte. L'autore, psichiatra e criminologo, ha svolto un'inchiesta su questi gruppi a partire dalle loro premesse ideologiche, descrivendo con rigore le tesi più estreme per farci comprendere i meccanismi segreti della loro organizzazione. Abgrall ha attinto ai propri archivi personali e ai documenti delle autorità giudiziarie, per denunciare implacabilmente gli abusi e gli orrori dei catastrofisti di professione, gettando una luce sinistra sulle loro pratiche e sui loro covi segreti e mettendoci in guardia dai fantasmi millenaristici.
"I figlí dell'Apocalisse" è la riflessione di uno studioso sulle conseguenze del diffuso senso d'incertezza che pervade il nostro mondo in quest'epoca di transizione.

 

I CIARLATANI DELLA SALUTE
(Jean-Marie Abgrall, Editori Riuniti )

Quando la medicina ufficiale non soddisfa più, entrano in scena terapeuti e guaritori d'ogni sorta. Le innumerevoli forme di "medicina alternativa" non si limitano a promettere una sicura guarigione, ma ci fanno balenare radicali mutamenti nel nostro stile di vita, garantendoci una profonda armonia con forze naturali o entità cosmiche, contro la medicina arida, tecnocratica e industriale che si pratica negli ospedali e nei laboratori medici. Questo libro esplora l'universo delle medicine alternative con l'intento di spiegarne il successo e insieme di svelarne la sostanziale inaffidabilità.

Jean-Marie Abgrall, psichiatra e criminologo, membro del ”Observatoire Interministeriel des sectes”(Francia) è uno e dei maggiori esperti mondiali dei fenomeni riguardanti le sètte ed il condizionamento mentale.

 

FIGLI DI UN DIO TIRANNO

Dieci storie di fuoriusciti da gruppi religiosi

(CHIARA BINI e PATRIZIA SANTOVECCH,I ed. AVVERBI )

 

MENTI IN OSTAGGIO

I familiari raccontano

(CHIARA BINI e PATRIZIA SANTOVECCHI, ed. AVVERBI)

 

VERITA' SUL CAMMINO NEOCATECUMENALE

Testimonianze e documenti

(aut. Padre Enrico Zoffoli - Edizioni SEGNO - Udine)

 

LA TELA DEL RAGNO

Plagio psicologico all'interno del Cammino Neocatecumenale

(Augusto Faustini) scaricabile liberamente da internet

 

 

TEORIA DELLA DISSONANZA COGNITIVA

(FESTINGER L.,  ed. Franco Angeli)

 

HITLER E IL NAZISMO MAGICO

Le componenti esoteriche del reich millenario

(GIORGIO GALLI, ed. BUR Rizzoli)

 

L'UNIVERSO DELLE SETTE SEGRETE.

(Frederic Lepade, ed. SPERLING & KUPPER EDITORI )

 

SATANISMO E SETTE RELIGIOSE.

Corso di aggiornamento professionale per il personale di Polizia.

( a cura di P. Moreno Fiori O.P., ed. ALEPH )

 

SETTE E NUOVE RELIGIONI. CHE FARE?

Un introduzione pratica.

(Battista Cadei, EDIZIONI DEHONIANE BOLOGNA )

 

QUATTRO ANNI ALL' INFERNO.

(Lukas,  ed. TEA )

 

INCHIESTA SUL ROCK SATANICO.

Tutte le prove.

(Carlo Climati, ed. PIEMME )

 

LA VERITÀ? È ALTROVE.

All' insegna del New Age.

(Franco Ferrarotti, ed. DONZELLI EDITORE ROMA )

 

NEW AGE OLD SYSTEM

(Carla Pinna, ed. PE PROSPETTIVA EDIZIONI )

 

I NOSTRI "AMICI" TESTIMONI DI GEOVA

(Sergio Pollina, ed. SAN PAOLO )

 

IL NEW AGE
All'alba dell'era dell'acquario
(Jean Vernette, Ed. San Paolo)

FANDONIE
Sensitivi unicorni ed altre illusioni
(James Randi,  Ed. Avverbi)

 

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------